BLOG

Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati

Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati
Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati

L’Unione Europea sta apportando grandi cambiamenti per la protezione dei dati dei consumatori, e se la tua azienda detiene dati da chiunque nell’UE, devi prendere nota. La nuova legge è entrata in vigore il 25 maggio 2018 e ci saranno multe salate se non si è conformi.

Cos’è il GDPR?

In breve, il regolamento generale sulla protezione dei dati sta compiendo enormi passi per proteggere la privacy dei cittadini nell’Unione europea. Assicura che tutte le organizzazioni gestiscano correttamente i dati personali e standardizza le leggi sulla privacy in tutta Europa. L’ultima volta che l’UE ha aggiornato la propria normativa sulla privacy è stata nel 1995, e molto è cambiato nel modo in cui i dati personali vengono scambiati. Il GDPR pone molti requisiti rigidi alle aziende in modo che raccolgano dati privati ​​in modo sicuro e ricevano il consenso appropriato da parte del cliente.

Quali sono i dati personali che prevede il GDPR?

Per il bene del GDPR, i dati personali sono tutto ciò che può essere utilizzato per identificare qualcuno, indirettamente o direttamente. Ciò include dettagli più ovvi, come il nome della persona, l’indirizzo e-mail, le informazioni mediche o il numero di conto bancario e le informazioni meno ovvie, come l’indirizzo IP del computer o i post sui siti di social network.

A chi si rivolge il GDPR?

Ci si potrebbe chiedere perché ti stiamo parlando delle leggi sui dati sulla privacy per l’Unione Europea. Te lo diciamo perché non si applicano solo alle società situate nell’UE, si applicano a qualsiasi azienda che abbia utenti dall’UE. Se raccogli dati personali, tramite un’app o un sito Web, devi rispettare il GDPR anche se risiedi negli Stati Uniti (o in qualsiasi altro Paese).

Quali sono le sanzioni se non rispetto la normativa?

In caso di inadempienza, verrà multata in base al piano tariffario a più livelli di GDPR. Ciò significa che le infrazioni meno gravi ti costeranno meno di quelle considerate le più gravi. Ad esempio, se sei stato sorpreso a non notificare le parti appropriate se / quando si verifica una violazione dei dati, puoi essere multato il due percento del tuo fatturato globale annuale. Tuttavia, se non viene preso il consenso appropriato del cliente per elaborare i propri dati, è possibile addebitare il quattro percento o 20 milioni di euro (che attualmente equivale a oltre 24 milioni di dollari).

Cosa stiamo facendo al GDPR

Chiaramente, stiamo prendendo sul serio il regolamento generale sulla protezione dei dati, soprattutto perché quasi tutti i nostri clienti lavorano con il proprio sito web all’interno dell’ EU. Se ancora non hai messo il tuo sito web in norma o hai semplicemente delle domande contattaci oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *